martedì 29 novembre 2016

[Segnalazione] I pirati del Lago di Mariangela Camocardi per Amazon Encore

Buongiorno lettori e lettrici, oggi vi segnalo un'interessantissima uscita di Amazon Encore, il marchio editoriale di Amazon che pubblica testi riscoperti.

"I pirati del Lago" di Mariangela Camocardi ritorna disponibile ai lettori, in una versione editorialmente rivista, un appassionante classico della narrativa romantica e storica, ambientato nella Milano Viscontea, tra pirati, passioni brucianti e desiderio di riscatto. Sullo sfondo, aspetti poco conosciuti della storia italiana.




Sinossi 
Milano, 1412. Cristiana è giovane, bella, sola e circondata da nemici, finché non incontra gli splendidi occhi azzurri del capitano di ventura Fabrizio. Lo fa quando tutto sembra perduto: il padre Jacopo è morto, il fratello Mattia è lontano e la madre Ippolita è succube del nuovo marito, Arrigo, che l’ha sposata solo per la sua ricchezza e sta cercando, aiutato dalla figlia Clarice, un modo per impadronirsi definitivamente delle fortune della famiglia.
Nel momento in cui Ippolita viene uccisa e la colpa ricade su Cristiana, il piano diabolico dei due sembra avere successo. È però solo l’inizio di una vicenda che ci trascinerà nel cuore della Milano dei Visconti, fra intrighi, congiure, tradimenti, ma anche amori inaspettati e bruciante desiderio. Perché ci sono incontri che non si possono evitare, e quello con Fabrizio sembra scritto nel destino: il suo è uno sguardo che scalda, rassicura, fa battere forte il cuore di Cristiana. Basterà – quello sguardo – a placare la sua sete di giustizia e di amore?


L'autrice 

Mariangela Camocardi è nata a Verbania e vive da sempre nell’amata Intra, sul Lago Maggiore. Sposata con due figli, si avvicina alla scrittura nel 1983, quando perde il lavoro a causa della crisi industriale di quegli anni: Nina del tricolore, il suo primo romanzo, viene pubblicato nel 1986 da Mondadori. Nel corso degli anni ha dato alle stampe più di cinquanta opere: tra queste Tempesta d’amore, Sogni di vetro, Un segreto tra noi, Il talismano della dea, Sposami ancora, Se perdo te e Chi voglio sei tu. Potete seguirla sul suo sito internet personale (www.mariangelacamocardi.net), la sua pagina Facebook (www.facebook.com/mariangela.camocardi) o il suo account Twitter (@MariangelaCamoc).


sabato 26 novembre 2016

[Recensione] La grande fuga di Susan Elizabeth Phillips



Trama
La madre di Lucy Jorik è tra le donne più famose al mondo. Per questo Lucy è abituata a tenere un comportamento che non metta mai in imbarazzo la sua famiglia... Almeno fino al giorno in cui la combina davvero grossa. Invece di dire "sì" all'uomo più perfetto che abbia mai conosciuto, fugge dall'altare e salta in sella a una moto sgangherata guidata da uno sconosciuto dall'aspetto rude che non potrebbe essere più estraneo alla sua esistenza privilegiata. Nella casa di lui, su un'isola dei Grandi Laghi lontana anni luce dagli agi della sua vita precedente, Lucy spera di trovare una nuova direzione e di scoprire i segreti di quell'uomo che non rivela niente di sé ma che, ne è certa, nasconde qualcosa di profondo e doloroso. Quello che sicuramente scoprirà, mentre le calde giornate estive si susseguono fra brezze profumate e tempeste improvvise, sarà una passione che potrebbe cambiare la sua vita per sempre... Una giovane donna in cerca del proprio destino e un uomo ferito, che vuole imparare di nuovo a credere nelle seconde possibilità.


La mia opinione
Susan Elizabeth Phillips è una scrittrice che ha uno stile che incanta. Non appena aprirete le pagine di uno dei suoi romanzi non riuscirete a lasciarlo neanche per un secondo.
La grande fuga appartiene ad una serie dedicata alla famiglia Jorik, ma può essere letto senza conoscere gli altri volumi della serie.
In questo romanzo troviamo una giovane ragazza Lucy il cui destino è cambiato rispetto a quello che sarebbe stato se non fossero capitati nella sua vita i genitori adottivi. Lei e la sorella, infatti, erano destinate ad una dura vita tra assistenti sociali e comunità, dopo la morte della mamma.
Tuttavia, i due angeli che salvano lei e la sorella le regalano la migliore vita che si possa desiderare.
La mamma adottiva, infatti, diventa Presidente degli Stati Uniti e Lucy la segue passo per passo nella sua scalata verso questa importantissima carica. Così Lucy, abbandonando il passato un po’ ribelle che la caratterizzava prima di essere adottata dai Jorik, diventa la figlia modello, la ragazza perfetta, sempre in ordine e che non sbaglia mai nulla.
Fino al giorno del matrimonio. Ovviamente il promesso sposo è l’uomo perfetto, quello che ogni donna vorrebbe al suo fianco. Ma non Lucy. Proprio mentre si avvicina all’altare, infatti, capisce che sta facendo un grosso errore.
Così decide di fare la prima cosa che le viene in mente: scappare. E cerca, in qualche modo, di recuperare le piccole ribellioni che non si è mai concessa. Prima tra tutte, accettare un passaggio da un motociclista sconosciuto, il cui soprannome è Panda, affascinante ma allo stesso tempo apparentemente maleducato e arrogante.
Inizierà un viaggio divertente e appassionante, ma soprattutto un viaggio nel quale Lucy cerca se stessa e coinvolge, in questa ricerca, anche Patrick, che ha alle spalle un terribile passato con il quale non riesce ancora a fare i conti.

Appassionante, romantico, divertente, “La grande fuga” è il romanzo perfetto per chi cerca il coraggio di cambiare il proprio destino.

Voto finale: 3/5

giovedì 24 novembre 2016

[Recensione] Non lo saprà nessuno di Anna Francesca Vallone

Trama
Due ragazze ancora adolescenti; una relazione che va al di là dell'amicizia e infrange i tabù. Le sfumature del sentimento, in una storia di formazione sensuale e inquieta. Bianca e Lisa si conoscono a Tropea, dove vive Lisa e dove Bianca trascorre tutte le vacanze estive. Bianca ha tredici anni, Lisa sedici. Due adolescenti come tante, ma unite da una relazione molto particolare. Baci appassionatissimi durante le lunghe giornate al mare; contatti fisici che rasentano il sesso. Sono sesso, o no? Bianca e Lisa sono più che amiche, certo. Ma sono amanti? Nessuno lo saprà mai, nessuno deve sapere dove finisce la loro amicizia e dove comincia l'amore. La storia di due donne che si sono sempre amate, che si sono ferite, e che, pur separandosi, non si sono separate mai.

La mia opinione
Romanzo d’esordio di una giovane scrittrice davvero promettente, “Non lo saprà nessuno” racconta la storia di un’amicizia fortissima e davvero particolare, quella tra Bianca e Lisa, due adolescenti.
Bianca, più piccola di due anni, è subito attratta da Lisa. Una ragazza bellissima, apparentemente sicura di sé che assomiglia a Britney Spears, l’idolo delle ragazzine di quel periodo. Così, complice proprio un articolo sulla loro cantante preferita, un giorno d’estate a Tropea le due ragazze iniziano un’amicizia che, a tratti, sembra qualcosa di più.
Le due diventano inseparabili, un vero e proprio idillio che sembra quasi l’inizio di un amore. Ma siamo in una fase, l’adolescenza, in cui i sentimenti e le relazioni non sono ancora chiari, e in cui molto spesso ci si ferisce volontariamente o involontariamente.
Purtroppo sia Lisa che Bianca sono due ragazze con delle grandissime fragilità, derivanti dal passato, da quando erano piccole.
E quando Lisa volta le spalle a Bianca, la sua vita improvvisamente perde senso. Qualcosa in lei si spezza. Inizia da un banale mal di stomaco improvviso e si trasforma in un mostro che alcuni di noi conoscono fin troppo bene: gli attacchi di panico.
La giovane scrittrice racconta sin nei minimi dettagli cosa si prova a causa dell’ansia e della dipendenza affettiva, e questa è una delle parti che mi ha colpito di più del romanzo.
Ma, nonostante tutto, anche se certe ferite non si rimarginano e anche se rimarranno le cicatrici dentro di noi, ci sono persone che non riusciremo mai ad odiare, anche se ci hanno feriti.
Così è Lisa per Bianca. Un’amica con cui ha condiviso alcuni dei momenti più belli della sua vita, che le ha regalato lacrime e risate e, sopratutto, l’ha aiutata a crescere, ponendole davanti la durezza della vita e la necessità di superare le delusioni e andare sempre avanti.
Come ho scritto all’inizio Anna Francesca Vallone è una scrittrice davvero promettente: è giovanissima, ma ha uno stile di scrittura davvero maturo, con una capacità di descrivere sentimenti ed emozioni davvero fuori dal comune. 


Voto finale: 5/5. Da non perdere.

[Anteprime Leggereditore] Uscite del 1 dicembre 2016

Buongiorno lettrici e lettori! Manca poco a dicembre e ci prepariamo alle ultime uscite del 2016! Oggi vi segnalo due anteprime della Leggereditore, in libreria dal 1 dicembre, come sempre romanzi romantici e appassionati... Io leggerò sicuramente Gus. L'altra metà del cuore, mi ispira moltissimo!

Trama
Lei non era solo la sua migliore amica; lei era la sua metà... L’altra metà del suo cervello e della sua coscienza, l’altra metà del suo senso dell’umorismo e della sua creatività, l’altra metà del suo cuore. Come si può tornare a essere quello che si era prima, quando la parte più importante di noi stessi se n’è andata per sempre? Gus è un ragazzo fragile, arrabbiato con il mondo e con il destino che gli ha sottratto la persona più cara, colei che arricchiva il suo tempo e dava linfa alla sua musica. A riempire le sue giornate ora ci sono solo l’alcool, le ore passate con la sua band e le avventure di una sera con qualcuna delle sue numerose fan, anche se Gus sa che non può essere questo a risarcirlo di ciò che ha perso. Quando anche il più debole barlume di luce è sul punto di spegnersi, il destino sembra però restituirgli quello che un tempo gli ha tolto. Chi è Scout veramente? Cosa nasconde nel profondo del cuore la sola persona al mondo che può salvarlo? 


Una storia di caduta e rinascita, l’emozionante percorso di guarigione e ritorno alla luce di un protagonista eccezionale che riesce, dopo aver perso quanto di più caro al mondo, a sorridere ancora alla vita.





Trama
Will Sumner non poteva non innamorarsi di Hanna Bergstrom, del suo bizzarro senso dell’umorismo, della sua determinazione. Per non parlare della sua voglia di scoprire e sperimentare insieme a lui forme sempre nuove di piacere. Tra le lenzuola la loro intesa è perfetta, ma fuori dalla camera da letto le cose sono un po’ più complicate. Quando Hanna riceve un’offerta di lavoro impossibile da rifiutare, questo brusco ritorno alla realtà sembra privare improvvisamente i loro corpi della magia che fino a quel momento li aveva resi indispensabili l’uno all’altro. Spetta a Hanna decidere quale strada intraprendere: seguire l’istinto e sacrificare il proprio futuro per un presente di gioie effimere ma irripetibili, oppure rinunciare all’uomo che le ha cambiato la vita per seguire un copione già scritto?

Il secondo capitolo della storia di Will e Hanna, i protagonisti di Beautiful Player. Un racconto emozionante e sensuale che va dritto al cuore.

lunedì 21 novembre 2016

[Recensione] Conviction di Corinne Michaels


Trama
Dopo aver appreso della morte del marito Aaron, marine caduto in missione, Natalie è passata attraverso il dolore e, con fatica, ha ritrovato la luce grazie all’amore per Liam. Aaron però non è morto, e dopo aver lottato per tornare da sua moglie e dalla figlia che non ha mai conosciuto, ora è lì, davanti agli occhi di Natalie, che si ritrova sospesa tra la gioia e l’angoscia. Sì, perché durante la sua assenza, Natalie ha conosciuto un’altra faccia del marito, ha scoperto le bugie che lui le ha sempre raccontato, i tradimenti che le ha nascosto. E soprattutto insieme a Liam ha sperimentato il vero significato dell’amore. Ma ora Liam è deciso a farsi da parte, a sacrificare i suoi sentimenti in nome di ciò che ritiene più giusto: restituire alla piccola Aarabelle la possibilità di crescere con il suo vero padre e permettere a Natalie di ricostruire la famiglia che era andata distrutta. Con i cuori lacerati, incerti se rinunciare a una parte di sé o seguire ciò che sentono, che futuro sceglieranno Natalie e Liam?


La mia opinione
Avevamo lasciato Natalie (Lee), nel primo volume della serie, “Consolation”, di fronte all’inaspettato ritorno di Aaron, il marito che tutti credevano morto ormai da un anno.
In Conviction, Natalie si trova ad affrontare un altro ostacolo: dopo aver superato la morte del marito ed essersi innamorata di Liam, il ritorno di Aaron la fa vacillare.
Soprattutto perché c’è la piccola Aarabelle, nata dall’amore con il marito, che è l’ancora di salvataggio di Natalie. 

Ma la vita di Lee ormai è cambiata: l’amore che prova per Liam è quel tipo di amore che non ha mai provato prima. Se Aaron è il suo migliore amico, quello che rappresentava la certezza, il rapporto con Liam è fatto di passione e di capirsi al primo sguardo.
In questo secondo volume Corinne Michaels non lascia proprio spazio per il “team Aaron”: è impossibile non adorare Liam, non notare con quanta passione ami Lee e quanto sia disposto a fare per renderla felice.
Soprattutto, Liam si è sempre preso cura di Aarabelle e la considera una figlia, anche se non è sangue del suo sangue. In un solo anno la trasformazione di Liam è palese: è passato da essere un Rubacuori a un uomo dolce e sensibile, che farebbe di tutto per la sua nuova famiglia.
Ma Aaron, ovviamente, non è d’accordo e farà di tutto per riprendersi sua moglie. 
La scrittura della Michaels è, come sempre, impeccabile. Impossibile non affezionarsi ai suoi personaggi e non emozionarsi con loro. Pagina dopo pagina, il lettore si sente coinvolto in prima persona nella scelta di Natalie. Inutile dirvi che io ho parteggiato per Liam sin dall’inizio.
Tuttavia, rispetto al primo Consolation, ho trovato la storia un po’ più scontata, mi aspettavo più colpi di scena come nel primo romanzo, ma se avete amato il primo non potete perdervelo.


Voto finale: 3 e 1/2

martedì 15 novembre 2016

[Recensione] Le Straordinarie Vite di Angela di Claudio S. Gnoffo


Trama
Angela, un’anima che racchiude tre vite, tre mondi, tre storie. Un thriller psicologico che scava nell’interiorità di un’adolescente tormentata ma capace di vivere più esistenze, tutte straordinarie. Chi è Angela? È Angel S., il sopravvissuto. Un ragazzo costretto a fuggire con ciò che rimane della sua famiglia dopo una terribile apocalisse di morti viventi, in un mondo divenuto un inferno feroce. Raccontando le proprie memorie, Angel ci guida fino alla sconvolgente rivelazione finale… È Angela Radcliffe, l’eroina. Catapultata in un universo parallelo dove magia e tecnologia convivono perfettamente, è l’Eletta di Esperia, il paladino che le Sacre Rune predissero. Un tempo si dilettava a scrivere storie fantastiche, ma ora il Male è reale, e spetta a lei combatterlo. È Angela Chiara Giannini, la sognatrice. Adolescente i cui genitori vivono il dramma della separazione mentre la morte dell’amata nonna Bianca le ha lasciato un vuoto incolmabile, finché finisce sotto un bus ed entra in coma, tra la vita e la morte. Suicidio o incidente? I suoi cari, dilaniati dal dubbio, fanno i conti coi propri egoismi, mentre la sua sorte è appesa a un filo. La madre Alessandra, spinta dal terapeuta della ragazza il Dr Mari, legge i manoscritti della figlia per incontrare i suoi alter ego. Il sopravvissuto, l’eroina, la sognatrice. Scoprirà chi è davvero Angela prima che sia troppo tardi?

La mia opinione
Il romanzo di esordio di Claudio S. Gnoffo si presenta con una trama davvero particolare.
Si compone di tre diverse storie, tutte legate ad Angela. 
Angela, la vera Angela, è una ragazzina che ha avuto un incidente e si trova in coma, mentre lotta tra la vita e la morte. Ma vuole davvero lottare? O il suo è stato un gesto disperato, una richiesta di attenzione verso quei genitori che sembrano non capirla più?
La risposta, in parte, si intuirà dalle due storie che precedono quella della vita di Angela. Sono due storie che popolano la mente e gli incubi peggiori della ragazza, ma anche i suoi sogni e che lei ha deciso di scrivere. Le due storie hanno come protagonisti Angel S., un sopravvissuto in un mondo di zombie che cercano di portare tutti gli esseri umani nella stessa condizione e Angela Radcliffe, un’eroina in un mondo fantastico del futuro.
Quanto queste storie e i loro finali rispecchiano le paure e i desideri di Angela? Qual è il limite tra la fantasia e la realtà? Questo è quello che cercherà di capire il Dottor Mari, il terapeuta di Angela, che spiegherà alla mamma quali sono le preoccupazioni che accompagnano la vita della ragazza.

Una storia a metà tra un fantasy e un romanzo psicologico, “Le straordinarie Vite di Angela” è un buon esordio. Mi è piaciuta l’originalità della storia e la scrittura chiara e scorrevole dell’autore. A mio parere ci sarebbe voluto un maggiore approfondimento nella terza parte, quella che riguarda Angela, che avrebbe permesso al lettore di immedesimarsi meglio nel personaggio, conoscendolo meglio.

[Anteprima Rizzoli] I nostri cuori chimici di Krystal Sutherland




Una storia di primi amori, cuori spezzati e dei sogni romantici con cui speriamo di rammendarli.

Un esordio narrativo già venduto in 18 Paesi che uscirà in contemporanea negli Usa e in Italia.



Trama
Henry Page ha 17 anni e non si è mai innamorato. Paradossalmente, la colpa è del suo inguaribile romanticismo: Henry è da sempre così aggrappato al sogno del Grande Amore da non aver lasciato spazio alle cotte che da anni elettrizzano le vite dei suoi amici.
Non è una scena da film nemmeno il primo incontro con Grace Town: Grace cammina con un bastone, porta vestiti da ragazzo troppo grandi per lei, ha sempre lo sguardo basso. Complice il giornale della scuola, Henry se la ritrova vicina di scrivania, e presto precipita nella rete gravitazionale di Grace, che più conosce, e più diventa un mistero. Grace ha ovviamente qualcosa di spezzato, ma questo non fa che attirare Henry, convinto di poterle ridonare quel sorriso che fino a pochi mesi prima la accompagnava ovunque. Ma forse il Grande Amore è più amaro di quanto i romantici credano.
Un’opera prima che ricorda i primi successi di John Green come Cercando Alaska e Città di carta e il romanzo drammatico e sentimentale di Jennifer Niven Raccontami di un giorno perfetto, Premio Mare di Libri 2016. 

venerdì 11 novembre 2016

[Recensione] 9 Novembre di Colleen Hoover


Trama
È il 9 novembre quando, durante un pranzo con il padre, Fallon incontra Ben per la prima volta. È un giorno speciale per lei, non solo perché sta per trasferirsi da Los Angeles a New York, ma anche perché ricorre l’anniversario dell’evento che ha segnato per sempre la sua vita, il terribile incendio che le ha lasciato cicatrici su gran parte del corpo, impedendole di continuare la sua carriera da attrice. Contro ogni previsione, la conoscenza tra i due si trasforma subito in qualcosa di più, ma Fallon sta per partire e sembra esserci tempo solo per il rimpianto. Come per strappare al destino quell’inevitabile separazione, Ben le promette allora che scriverà un romanzo su di loro, proponendole di ritrovarsi il 9 novembre di ogni anno, fino a che non ne compiranno ventitré. È così che ogni 9 novembre i due protagonisti aggiungono un nuovo capitolo alla loro storia, finché qualcosa non arriva a sconvolgere le loro promesse e a mettere alla prova i loro sentimenti, tra i dubbi di Fallon e le mezze verità di Ben.

La mia opinione 
Dopo aver letto questo libro ho una sola espressione in testa: wow! Colleen Hoover ha fatto di nuovo centro!
Come descrivere la meraviglia di questo romanzo in una recensione? Lo trovo un compito difficilissimo e vorrei non dovervene parlare per non rovinarvi neanche la più piccola emozione suscitata da “9 Novembre”.
Ma se mi seguite sapete che nelle mie recensioni non ci sono spoilers, quindi cercherò di parlarvi pochissimo della trama. Fallon e Ben sono due giovani legati da una data: quella del 9 Novembre. Per Fallon è un triste anniversario: quello in cui, a causa di un incendio che le ha provocato delle terribili cicatrici in tutto il corpo, è stata costretta ad accantonare la sua carriera di attrice.
I due si incontrano per caso ed è subito chiaro che c’è un legame inspiegabile tra loro. Così, dal momento che Fallon sta per trasferirsi a New York, decidono di andare avanti con le loro vite e incontrarsi ogni 9 Novembre per 5 anni.
Si tratta di cinque anni davvero intensi per entrambi, come intenso è ognuno dei loro incontri. Ma ci saranno anche tanti ostacoli fra loro, segreti non svelati e tante difficoltà da affrontare. 
Da questo romanzo emerge un messaggio chiaro: che le cicatrici le portiamo addosso tutti, che siano visibili o meno. E che spesso abbiamo bisogno di qualcuno che ci faccia ritrovare la fiducia in noi stessi, aiutandoci a ricostruire giorno per giorno quello che credevamo di avere perso. Questo è quello che fa Ben per Fallon: la aiuta a diventare una persona migliore, così che possa spiccare il volo e capire quali sono i suoi veri sogni e poter finalmente crescere da sola, scoprendo la bellissima persona che è. E lo stesso farà Fallon per Ben, pur senza saperlo.

Come sempre, Colleen ci regala dei finali sorprendenti con colpi di scena che non ti aspetti e ti colgono impreparata. Sapete che non amo i romanzi d’amore e normalmente li evito. Ma la Hoover è meravigliosa, non è mai scontata, non saprete mai cosa aspettarvi dalle sue storie, che vi entrano nel cuore per non andarsene più. Un romanzo indimenticabile che fa sognare e sperare che l’amore, quello vero, esista ancora. 

Voto finale: 5/5

lunedì 7 novembre 2016

[Recensione] Il giardino dei fiori segreti di Cristina Caboni


Trama
Londra, Chelsea Flower Show, la più grande mostra di fiori del mondo. Sotto gli archi carichi di rose, Iris Donati è felice: fra le piante si sente a casa. Una casa vera, quella che non ha mai avuto, perché fin da piccola ha vissuto in giro per il mondo sola con il padre. Mentre si china per osservare meglio una composizione, Iris rimane paralizzata. Si trova di fronte due occhi uguali ai suoi. Gli stessi capelli castani. Lo stesso viso. La ragazza che ha davanti è identica a lei. Viola è il suo nome. Anche lei ama i fiori e i suoi bouquet sono fra i più ricercati di Londra. Tutte le certezze di Iris crollano in un istante. Quella ragazza è la sua sorella gemella. Sono state divise da piccolissime, e per vent'anni nessuna delle due ha mai saputo dell'esistenza dell'altra. Perché? Ora che sono di nuovo riunite, Iris e Viola devono scoprirlo.
Il segreto si nasconde in Italia, a Volterra, dove sono nate. Tra viali di cipressi e verdi declivi, sorge un'antica dimora circondata da un giardino sconfinato. È qui che i Donati vivono da generazioni. Ed è qui che Giulia Donati, la loro nonna, le aspetta. Solo lei può spiegare davvero perché sono state separate e aiutarle a trovare il sentiero giusto per compiere il loro destino. Iris e Viola non lo sanno, ma ogni coppia di gemelle della famiglia, da secoli, ha un compito da svolgere per salvaguardare la sopravvivenza del giardino. Devono imparare cosa significa prendersene cura, e soprattutto devono capire il suo grande potere: quello di curare l'anima. Ma c'è un mistero che affonda le radici nel passato della famiglia Donati, e che sta uccidendo il giardino. Solo Iris e Viola possono salvarlo. C'è una rosa nascosta che può spiegare tutto: perché è attraverso le spine che nasce il cuore più prezioso.
Dopo il grande successo di Il sentiero dei profumi e La custode del miele e delle api, bestseller per settimane nelle classifiche italiane e straniere, Cristina Caboni ci trasporta in una nuova, indimenticabile storia tra i canali di Amsterdam, i giardini londinesi e le lussureggianti colline toscane. Il giardino dei fiori segreti è la storia di un legame spezzato. Di due ragazze che ritrovano le loro radici. Perché anche il bocciolo più indifeso può fiorire di petali pieni d'amore.

La mia mia opinione
Cristina Caboni torna nuovamente ad emozionare noi lettori con il suo terzo romanzo, “Il giardino dei fiori segreti”.
La storia è quella di Iris e Viola, due gemelle separate quando erano molto piccole ed entrambe all’oscuro dell’esistenza l’una dell’altra. Questo perché i genitori, al momento di dividersi, decisero di prendersi cura ciascuno di una bambina, senza farle mai conoscere tra loro. Due ragazze cresciute come orfane di uno dei genitori, una ad Amsterdam e una a Londra, con due caratteri completamente diversi, ma con una grande passione in comune: l’amore per i fiori e i giardini.
Questa passione non è un caso: le gemelle appartengono alla famiglia Donati, di cui non hanno mai saputo nulla. Un'antica famiglia con una magnifica villa vicino a Volterra, la cui caratteristica principale è proprio l’enorme giardino, che in passato attirava visitatori e studenti per la cura e la bellezza.
Ma ora le cose sono cambiate, il giardino è chiuso e all’interno della villa è rimasta soltanto Giulia della famiglia Donati, la nonna di Viola e Iris. Sarà proprio Giulia che, preoccupata della morte imminente del giardino, riunirà le due ragazze.
Il rapporto tra le due non è semplice, ma il loro legame mai spezzato farà sì che Viola e Iris riescano a leggere l’una la mente dell’altra, permettendo un lento e bellissimo riavvicinamento.
Ma sono tanti i segreti che hanno accompagnato la vita della nonna Giulia, del padre Francesco, della mamma Claudia, segreti antichi e terribili che aspettano solo di essere svelati.
Un romanzo delicato, appassionante, romantico e ipnotico dalla prima all’ultima pagina. Cristina Caboni si riconferma una scrittrice strepitosa, che mi rende orgogliosa di essere donna e sarda come lei. 

La sua scrittura magnifica realizza quello che pochi scrittori riescono a fare: provare le stesse emozioni e sensazioni dei protagonisti del romanzo. E vi assicuro che, pagina dopo pagina, avrete l’impressione di sentire il profumo dei fiori che, con grande abilità, Cristina ci descrive in ogni capitolo del romanzo.

Voto finale: 5/5