mercoledì 27 luglio 2016

[Intervista all'autrice] Chiara Giacobelli, scrittrice di "Un disastro chiamato amore"


Buonasera lettrici e lettori. Oggi ospitiamo nel blog Chiara Giacobelli, giovanissima e simpaticissima autrice del libro "Un disastro chiamato amore", il suo romanzo d'esordio (per chi si fosse perso la recensione, può trovarla qui). 

La parola a Chiara!

1) Parlaci un po’ di te… qualcosa da aggiungere su Chiara Giacobelli rispetto alla biografia che troviamo nel libro? 
Se vuoi posso allegarti il mio curriculum medico… ne ho scritto uno spiritoso anni fa, che aggiornato ad oggi si allungherebbe di circa 4 pagine. A parte gli scherzi, a me piace comunicare attraverso le citazioni dei libri che amo, più che descrivermi in prima persona: non sono un animale da palcoscenico, a differenza di molti artisti e scrittori. Potrei dirtene tante, ma credo ne basti una: “Seconda a destra e poi dritto, fino al mattino”. J.M.Barrie, Peter Pan. 

2) Altra domanda personale, per conoscerti un po’ meglio… So che Viv ha una paura tremenda dei cani, non so se questo valga anche per la sua “alter ego” Chiara. In ogni caso ti chiedo, se fossi un animale quale saresti e perché? 
Paura dei cani: ce l’abbiamo! Se fossi un animale sarei un gatto, perché abbiamo un’affinità elettiva naturale e inspiegabile, oltre a una totale somiglianza caratteriale. Anzi, sono abbastanza sicura di esserlo stata in una vita precedente. 

3) Adoro leggere le dediche prima di immergermi nei romanzi che leggo. Tu hai dedicato il romanzo ai tuoi genitori. Puoi dirci qualcosina in più su di loro? 
Mia madre ormai conosce questo libro a memoria, talmente tante sono le volte in cui lo ha letto, riletto, corretto, aiutandomi a sistemare ogni errore o dettaglio. Diciamo che ormai funge un po’ da mia segretaria personale. A mio padre è vagamente ispirato il personaggio di Grégoire, soprattutto relativamente a ciò che è solito dire a Vivienne… 

4) Ho letto nelle note che il personaggio di Elisabetta Grimaldi è parzialmente ispirato ad Audrey Hepburn. Io adoro tutti i suoi film, vale lo stesso per te? Il tuo preferito? 
Non sono un’appassionata di film tanto quanto di libri, quindi mentre potrei raccontarti vita morte e miracoli di una scrittrice o di uno scrittore, lo stesso non vale per gli attori. Audrey Hepburn mi ispira nella sua interezza, non solo come attrice ma anche come donna, nelle scelte che ha compiuto durante la sua vita. A cominciare dal voler fare beneficenza senza troppa visibilità mediatica. 

5) Una cosa che ho adorato nel romanzo e che ho sottolineato anche nella recensione è la vocina interna di Viv, rappresentata dalla nonna. Siccome a me spesso accade la stessa cosa, dato che Viv è il tuo alter-ego, hai avuto anche tu dei nonni speciali? 
La mia nonna materna, purtroppo – sempre per la legge di Murphy – la prima ad andarsene. Ma lei non mi dava consigli come nonna Betty: quelli sono più che altro ripresi dalla parte di me che a volte vede tutto nero, o comunque tende a sminuire e ad essere cinica per non incappare nell’ennesima delusione. 

Il Golfo dei Poeti, dove è ambientato il romanzo di Chiara

6) Mi sembra di capire che la cartella “PIL” (che le lettrici conosceranno leggendo il tuo romanzo) esista davvero. Come ti è venuta l’idea di raccogliere i messaggi dei Pazzi in Libertà? 
Perché quando ti arrivano con costanza certe mail assurde non le puoi cestinare, sarebbe uno spreco! Le risate che ci siamo fatte con le mie amiche leggendo i messaggi della cartella PIL non si contano. Per anni non ha avuto altro scopo se non quello di farci divertire, adesso finalmente ne ha trovato uno più nobile. Spero solo di non essere denunciata da qualcuno di coloro che hanno inviato le mail… 

7) Non ho potuto non notare il tuo amore per i classici, in particolare per le sorelle Bronte e Jane Austen. Io ho avuto la sensazione che Viv fosse un po’ un personaggio di quei romanzi trasportato nel nostro secolo. Hai percepito la stessa cosa mentre scrivevi il romanzo? 
La realtà è un po’ diversa: sono io ad essere rimasta ferma all’Ottocento e trasportata a forza in questa epoca, in cui mi sento totalmente fuori luogo. Viv genera questa impressione – la quale tra l’altro non era nelle mie volontà conscie, ma che ritrovo molto nei commenti di voi lettrici – perché assomiglia a me. Non sai quanta gente mi ferma per strada e mi chiede una foto insieme dicendomi che assomiglio a una dama pre-raffaellita, oppure del romanticismo inglese, o una cortigiana della Serenissima. Te ne potrei dire non so quante! In effetti credo che se qualcuno usasse su di me la macchina del tempo e mi riportasse indietro, potrei anche trovare la mia anima gemella che a quest’ora starà vagando inquieta e disperata alla mia ricerca nella brughiera o nelle lande solitarie… (:P) 

8) Sei sicura che Alex Lennyster non esista davvero? Perché altrimenti io e le lettrici partiamo subito alla ricerca! 
Mettersi in fila, grazie… 

9) Il libro ci lascia con un mistero da risolvere. Stai pensando ad un seguito? 
No, l’ho già pensato: anche se posso sembrare un po’ fuori epoca, la mia testa viaggia sempre avanti. La storia è tutta nella mia mente e ovviamente mi piacerebbe ambientarla a Parigi, così avrei l’opportunità e la scusa per viverci qualche mese. Se voi lettrici mi sostenete con le vendite e con la casa editrice, può darsi che si convincano a farmi pubblicare un seguito, chissà! 

10) Per salutare le lettrici ti chiedo di rivelarci qualcosa che non ti ho chiesto e che vorresti condividere con noi. 
Semplicemente mi piacerebbe se poteste seguire il mio mondo, che è tanto più vasto, eclettico e vario di quanto potrebbe sembrare, attraverso il mio sito www.chiaragiacobelli.com, oppure su Facebook, Twitter e LinkedIn. Scoprirete che sono molto, molto altro… ;-)

Presentazione di "Un disastro chiamato amore"




martedì 26 luglio 2016

[Recensione] Consolation di Corinne Michaels



 "Ho imparato molto sulla vita, sull'amore, sul dolore, e soprattutto ho imparato che in fondo non ci sono molte risposte per nessuna di queste cose. L'amore può farti soffrire e può guarirti."

Trama
La piccola Aarabelle non era ancora nata quando sua madre Natalie ricevette la tragica notizia della morte di Aaron, suo marito, marine caduto in battaglia. Il destino, che le stava per concedere il dono più bello, le ha strappato la felicità facendola piombare nella disperazione più profonda. L’unico in grado di darle conforto è Liam Dempsey, il migliore amico di suo marito, che le sarà vicino per onorare la promessa che aveva fatto ad Aaron prima che lui partisse per la sua ultima missione. Ma né Liam né Natalie potevano immaginare che da quella vicinanza potesse nascere un rapporto che andasse oltre la semplice amicizia, per diventare qualcosa di sconvolgente a cui neanche loro riescono a dare un nome. E mentre Liam si consuma nel rimorso di poter in qualche modo tradire la fiducia che Aaron ha riposto in lui, Natalie non sa comprendere se quello che prova nasca da qualcosa di profondo o sia solo desiderio di essere consolata da un dolore a cui non riesce a fuggire. È questo il prezzo che deve pagare per essere di nuovo felice?
Una storia toccante che accomuna il destino di moltissime donne, e che commuove per la naturalezza con cui ci racconta l’amore come unico antidoto al dolore.

La mia opinione
“Consolation” è la storia di una rinascita. Quella di una donna, Natalie, che, nel corso di un anno, impara come l’amore spesso fa soffrire, ma può anche guarire.
Natalie è la moglie di un Marine, lavoro non facile, non solo per gli uomini che periodicamente sono costretti ad andare in missione, ma anche per le famiglie che aspettano giorno dopo giorno il ritorno dei propri cari e temono sempre brutte notizie.
La notizia peggiore arriva proprio quando Natalie aspetta la piccola Araabelle: non è ancora nata e già ha perso il padre, Aaron. 
Il mondo di Natalie improvvisamente crolla: la cosa che ha sempre temuto di più, la morte del marito in missione, non è più un timore, ma è diventata realtà. Solo la nascita della figlia le dà una ragione per continuare a vivere e uscire ogni giorno da quella stanza che le ricorda i giorni felici con Aaron.
Ma si può chiamare vita quella di chi sopravvive senza più riuscire a ridere di nuovo? Per fortuna nella vita di Natalie arriva Liam, il migliore amico di Aaron, anche lui Marine, che Natalie conosce da anni e che la capisce meglio di chiunque altro.
Questo ragazzo giorno dopo giorno riuscirà a far tornare il sorriso a Natalie. Ma un cuore ferito ha bisogno di tempo per guarire e per i due non è facile fare i conti con il fantasma di Aaron, soprattutto perché nel corso della storia Natalie sarà costretta a scontrarsi con la realtà di un matrimonio che non era perfetto come lei credeva.
Non aspettatevi una storia d’amore banale, perché è ricca di colpi di scena che vi faranno trattenere il fiato, commuovere, arrabbiare, provare tutte le emozioni che sente Natalie.

Corinne Michaels, con uno stile scorrevole e l’alternarsi del punto di vista di Natalie e  di quello di Liam, tocca davvero il cuore di ogni donna, dimostrando come qualunque ferita può essere guarita con il tempo e con l’amore. Forse una piccola cicatrice resterà per sempre, ma esiste per tutti la possibilità di tornare a sorridere nuovamente.

Il libro
Titolo: Consolation
Autore: Corinne Michaels
Casa editrice: Leggereditore
Genere: Romance contemporaneo
Collana: Narrativa
Ciclo: The Consolation Duet
Anno di pubblicazione: 2016

lunedì 18 luglio 2016

[Recensione] Un disastro chiamato amore di Chiara Giacobelli


A chi consiglio questo libro: Alle ragazze che non sono perfette, che amano le eroine concrete, quelle che fanno errori continuamente ma sono sempre pronte a rialzarsi con il sorriso. Quelle che usano il pessimismo come arma di difesa che per non farsi ferire, che amano il romanticismo, ma al punto giusto. A chi ama ridere, e riesce a trovare l'ironia in ogni momento della propria vita.

Il mio voto finale: 5/5

Trama
Francese con un lavoro a Parigi e un appartamentino a Montmartre, Vivienne Vuloir è una ragazza buffa e imbranata che colleziona una figuraccia dopo l’altra, fa i conti con una fallimentare carriera di scrittrice e soffre di un numero indefinito di fobie. A trent’anni ha dimenticato il sapore di un bacio, si è adattata a essere identificata come “quella che si occupa di gossip”, ma soprattutto ha perso completamente fiducia nel genere umano, specialmente se maschile. Quando un giorno riceve un’inattesa telefonata da un certo Mr Lennyster, figlio di un’importante attrice italiana su cui ha da poco redatto un dossier, è certa di stare per subire una grossa lavata di capo. Invece, l’uomo vuole commissionarle la biografia della madre. Così, ben presto Vivienne si troverà a dover affrontare un’avventura a cui non è affatto preparata: un viaggio in Italia, un libro da scrivere, un uomo affascinante, dolce ma oscuro, e una villa piena di misteri da risolvere. Tra gaffe, tentativi maldestri di carpire i segreti della famiglia Lennyster, amori e altre catastrofi, Vivienne, inguaribile pessimista, capirà che la vita le sta per riservare una sorpresa inaspettata...



La mia opinione
A quale ragazza non è mai capitato di sentirsi un vero e proprio disastro, soprattutto di fronte a un uomo irresistibile e misterioso? Beh, alcune di noi hanno la capacità di esserlo in ogni occasione, non solo in presenza del possibile amore della loro vita.
Vivienne è esattamente così. Avete presente la legge di Murphy “Se una cosa deve andare male andrà male”? O il più moderno e virale “Mai una gioia”? Ecco, la vita di Viv è un alternarsi di episodi sfortunatissimi, di quelli che ti fanno esclamare subito dopo “Tutte a me!”.
Il suo computer non può che contenere una cartella chiamata “PIL”… No, tranquille, non stiamo parlando del prodotto interno lordo, non c’è neanche una riga noiosa in questo libro. Ovviamente “PIL” sta per “Pazzi in Libertà”… Esattamente quegli strani personaggi che talvolta escono fuori con richieste improbabili via facebook, whatsapp, sms o qualunque altro mezzo di comunicazione e per i quali tutte almeno una volta nella vita (io anche più di una) abbiamo pensato “Sono una calamita per pazzi”.
Come se non bastasse, lei non è che faccia tanto per dare una mano al destino… Anzi si dà la zappa sui piedi con un pessimismo cronico. Certo, il suo lavoro non la aiuta, costretta a partecipare ai parti esclusivi di Parigi per curare la rubrica gossip di Le Parisien, proprio lei che ama i classici e la filosofia. Neanche l’inguaribile e contagioso ottimismo della sua amica Angy riesce a spronarla.
Così, quando riceve la chiamata da parte di Alex Lennyster, il figlio della sua amatissima attrice preferita Elisabetta Grimaldi, su cui Viv ha scritto un articolo per ricordarne la meravigliosa vita personale e familiare, cosa può pensare la nostra eroina se non ad una critica per qualche suo errore? Mentre immagina scenari apocalittici, Vivienne non crede alle sue orecchie quando sente che il rampollo della famiglia Lennyster non vuole affatto criticarla, ma ha adorato talmente tanto il suo articolo e la capacità di Viv nel descrivere la madre, che la ingaggia per scrivere una  biografia su sua madre.
Piccolo problema: Alex si trova in Liguria. Vabbè, direte voi, un paio d’ore d’aereo da Parigi. Eh no, perché Viv (sempre nello spirito del “tutte a me”) ha una paura patologica dell’aereo. Fortunatamente, si fa adottare per tutto il viaggio dal sosia di Frodo (sì, proprio quello del Signore degli Anelli).
Una volta superato il viaggio, cosa mai potrà fermare la nostra eroina? Beh, qualunque cosa potreste immaginare, state tranquille che a Vivienne accadrà. Inoltre lei ha già stabilito che Alex, con cui dovrà trascorrere l’intera estate, non può che essere un uomo maturo, noioso, ricco e viziato…
Ma Alex non è nulla di tutto ciò. È un ragazzo speciale, con un cuore d’oro. Allo stesso tempo, però, ha tanti segreti che non è pronto a condividere con Viv. E secondo voi lei può fermarsi a qualche risposta evasiva? Certo che no, perché come ogni ipocondriaca e pessimista che si rispetti, Viv è anche un’ottima investigatrice privata (mica la freghi!). In confronto a lei Sherlock Holmes era un vero dilettante. Ovviamente non può esistere uno Sherlock senza un buon Watson e Viv si farà accompagnare nelle sue avventure da Marco, l’autista di Alex, che si rivelerà, non solo un fedele “scagnozzo”, ma soprattutto un ottimo amico.
Potrei stare a parlarvi della trama per ore, ma non voglio rovinarvi il gusto della lettura. “Un disastro chiamato amore” è un romanzo che vi prende subito con un’iniziale comicità e freschezza, quasi da renderlo un libro leggero… Ma è molto, molto di più. Vi farà ridere fino alle lacrime, ma allo stesso tempo susciterà in voi talmente tante emozioni che è impossibile racchiuderle in una recensione di un blog. Se poi amate i libri di Jane Austen e delle sorelle Bronte, non potrete non notare come Vivienne sembri l’eroina di uno di quei romanzi catapultata nel nostro secolo.
Sono tantissimi gli aspetti che ho apprezzato, tra cui la voce interiore di Viv rappresentata dalla nonna Betty. Chi, come me, ha avuto la fortuna di essere accompagnato in una parte della propria vita dai nonni, sa quanto i loro insegnamenti siano stati importanti e li sente sempre vicino a sé. Io mi trovo spesso a citare le frasi di mia nonna o a chiedermi cosa mi avrebbero detto i nonni in determinate situazioni, o se sarebbero stati orgogliosi di me.
Ho amato Viv perché è una ragazza normale, di quelle che ha sofferto tanto nella vita, ma che, nonostante i disastri che combina, continua a mantenere il sorriso. È pessimista, logorroica, ipocondriaca, ma in realtà cerca solo di non essere ferita come molte persone, volontariamente o involontariamente, hanno fatto in passato. Chiunque, chi più chi meno, si ritroverà in Vivienne e nella sua storia.

Perché Chiara Giacobelli costruisce una storia concreta, buffa, emozionate, una favola quotidiana. Permette di immedesimarci completamente nella protagonista e ritrovare in lei qualcosa di noi. Non ci sono romanticismi inverosimili, seppure lo sfondo del Golfo dei Poeti che accompagna il romanzo non potrà lasciarvi indifferenti. Anzi, io sto già prenotando un volo, perché dopo due foto sono rimasta senza fiato… Anche perché Vivienne/Sherlock ci lascia con un mistero da risolvere, per cui io mi aspetto un seguito Nel frattempo, quale luogo migliore da visitare se non il Golfo dei Poeti per conoscere meglio la nostra eroina?


venerdì 15 luglio 2016

[Recensione] Torna da me di Mila Gray


Un’auto militare ferma sotto casa alle sette del mattino. Non può significare nulla di buono, soprattutto se sia tuo fratello che l’amore della tua vita sono soldati impegnati in una rischiosa missione in Afghanistan. Quando Jenna Kingsley, diciott’anni appena compiuti, occhi verdissimi e un viso tutto lentiggini, apre la porta al cappellano dei Marine in alta uniforme, il mondo le crolla addosso in un istante. Mentre il cuore batte a mille, il suo pensiero vola all’estate appena trascorsa. Quella in cui lei e Kit, migliore amico di suo fratello Riley, sono caduti l’una nelle braccia dell’altro. Sono anni che Jenna stravede segretamente per Kit, bello e sexy da togliere il fiato, e proprio adesso che lui ha scoperto di ricambiarla, l’idea di perderlo è insopportabile. E pazienza se il padre, l’inflessibile Colonnello Kingsley, non fa mistero dell’odio che, per motivi mai davvero chiariti, nutre per il ragazzo. Mentre Jenna si prepara a ricevere la tragica notizia dalle labbra del cappellano, un’unica, atroce domanda le martella in testa: chi dei due è morto? Suo fratello Riley oppure Kit? 

La mia opinione
Ho sempre un po’ di timore quando leggo questo genere di romanzi, perché spesso sono scontati e banali.
La storia di Jessa e Kit, seppur a prima vista potrebbe sembrare il solito romanzo già sentito, mi ha fatta commuovere fino alle lacrime.
Dietro al racconto del loro amore, uno di quelli che capita una sola volta nella vita, ci sono tantissime problematiche e temi di attualità.
Primo fra tutti, poiché ho finito il libro proprio ieri e sto scrivendo con la mente rivolta al nuovo tragico attacco in Francia, a Nizza, non posso non citare il terrorismo.
Quando il cappellano dei Marine, padre di Kit, si avvicina alla porta di Jessa per comunicarle la morte del fratello o del fidanzato, emerge tutta la rabbia di una vita giovane portata via da quel male chiamato terrorismo, che ogni giorno fa crollare ogni speranza di un mondo finalmente pacifico.
La storia di Jessa e Kit, oltre a non fare dimenticare le stragi e questi giovani ragazzi che si trovano in zone di guerra, costantemente in pericolo, fa riflettere anche sulla sofferenza dei familiari, che ogni giorno aspettano a casa i loro cari che hanno deciso di servire il proprio Stato arruolandosi.
E non appena una macchina militare si avvicina, il cuore inizia a battere a mille all’ora, perché di primo mattino può significare solo una cosa: una tragica notizia. Il romanzo si apre proprio con questa scena. E mentre Jessa, pietrificata, continua a chiedersi chi sarà dei due, se Kit o Riley, con un lunghissimo flashback Mila Gray ripercorre il momento in cui è iniziato l’amore di Jessa e Kit.
Jessa è una ragazza straordinaria, non potrete non amarla. Vittima di un padre psicologicamente distrutto dalla guerra, soffre per l’arruolamento del fratello Riley, la sua ancora di salvataggio, quello che la protegge sempre e comunque.
E quando, dopo anni, Kit si accorge di lei, finalmente Jessa può essere sé stessa, perché ha trovato la sua “stella polare”, quella persona che tornerà sempre da lei.
Il tragico evento cambierà le vite di tutti, ma vi lascerò con l’interrogativo che rimbomba nella testa di Jessa nel primo capitolo del libro: Riley o Kit? Mio fratello o il mio fidanzato?

Un libro che vi farà sorridere, piangere, arrabbiare, perdere la speranza, ma anche ritrovarla. Mila Gray ha uno stile fantastico e non posso non consigliarvi assolutamente la lettura di “Torna da me”.

giovedì 14 luglio 2016

[Segnalazione] Uscite di oggi della Newton Compton editori

Buongiorno e ben ritrovati lettrici e lettori! Oggi vi segnalo le nuove uscite della casa editrice Newton Compton, dal romance, ai thriller a un classico intramontabile come Ben Hur, ce n'è davvero per tutti i gusti! Li trovate sia in ebook che in cartaceo! Buone letture :)



Love. Un pensiero infinito di L.A. Casey


Best seller mondiale La serie più amata dalle lettrici americane è finalmente arrivata!
Kane ha bisogno di lei. E Kane prende sempre ciò di cui ha bisogno.


Aideen Collins è uno spirito libero. È cresciuta in una casa piena di uomini, e questo le ha insegnato a essere fredda e diretta. Kane Slater è un’anima tormentata. La gente si tiene alla larga da lui, a causa delle cicatrici che gli deturpano viso e corpo. Ma Kane ha imparato a usare a suo favore la paura che suscita negli altri, perché non vale la pena circondarsi di persone che non vedono oltre le apparenze. Si accontenta del piccolo giro di amicizie dei suoi fratelli e delle loro ragazze, almeno fino a quando un’irlandese di nome Aideen Collins non compare nella sua vita. Aideen è l’unica donna che osa dirgli in faccia quello che pensa di lui, senza timore di fargli male. E Kane è l’unico uomo che riesce a vedere oltre la dura scorza di Aideen. Non riescono a sopportarsi, eppure si desiderano…



Oltre le leggi dell'attrazione di Jay Crownover

The Tattoo Series
Il romanzo che ha scandalizzato l'America

Quando ricomincia una nuova vita a Denver, Asa Cross deve scegliere: essere l’uomo che tutti si aspettano che sia o l’uomo che realmente è. Asa è consapevole che non potrà mai cambiare la sua natura di predatore, ma non vuole fare del male alle persone che ama e che si affidano a lui. In particolare non vuole deludere una poliziotta molto sensuale che pare interessata più a lui che al fatto che abbia infranto la legge… Royal Hastings ha rapidamente imparato il vero significato dell’espressione “toccare il fondo”, da quando una tragica situazione al lavoro minaccia non solo la sua carriera ma anche la vita del suo migliore amico e collega. Mentre cerca di rimettersi in piedi, però, non riesce a smettere di pensare al barista sexy che tempo prima ha arrestato. Una persona come lui è l’ultima cosa di cui avrebbe bisogno, ma resistergli è impossibile. Una coppia formata da un criminale di lunga data e una poliziotta sembra la cosa più sbagliata… ma per Asa e Royal, sbagliare insieme è l’unica scelta giusta…



E' l'uomo per me di Jessica Clare

Dall’autrice del best seller Scommessa indecente
The Billionaire Boys Club Series

Audrey Petty è sempre stata più responsabile e generosa della sua sorella gemella. Audrey è bella, affidabile e degna di fiducia: sarebbe stata la fidanzata perfetta per Cade Archer, di cui è innamorata fin da piccola… Se non fosse che Cade è miliardario, frequenta altri ambienti, e Audrey è sicura che non si ricordi neppure di lei. Ma poi l’impossibile accade: il destino e la sua incasinata gemella si mettono in combutta e Audrey scopre che dovrà trascorrere un mese in compagnia di Cade nel suo lussuoso chalet fra i boschi. A lei sembra un sogno che si avvera… fino a quando non si imbatte nel peggiore degli incubi: Reese Durham. Reese è un playboy ricchissimo e abituato a sedurre le donne per ottenere ciò che vuole: ci mette davvero poco a capire che Audrey è innamorata del suo amico Cade. È chiaro che questo segreto la rende ricattabile e nella posizione di dover accettare qualsiasi cosa lui le proponga, anche furtivi baci al buio o appuntamenti segreti nel bosco. E i sentimenti di Audrey verranno messi davvero alla prova…



Ben Hur di Lew Wallace

Introduzione di Antonio Spinosa
Edizione integrale
Da questo libro il film evento

Ben Hur, a Tale of the Christ (Ben Hur, un racconto su Cristo) è uno dei più conosciuti e appassionanti romanzi storici della letteratura mondiale, in cui magicamente si intrecciano vicende storiche e favolistiche e da cui sono state tratte celebri pièce teatrali e film indimenticabili. Le sue pagine ci portano indietro nel tempo, fra Roma e la Palestina, negli anni del principato di Augusto e in quelli del regno di Tiberio. Vi si narra la burrascosa storia del principe ebreo Giuda Ben Hur e, parallelamente, quella di Gesù Cristo – il vero protagonista della vicenda – dalla nascita, nella mangiatoia di Betlemme, alla morte, sulla croce del Golgota. Una storia immortale, consacrata al cinema della classica versione del 1959, con Charlton Heston, e di recente riscoperta in un remake con Jack Houston, Toby Kebell e Morgan Freeman.



Un caso bizzarro per il commissario Carra di Claudio Arbib e Rodolfo Rossi

Un thriller inaspettato
Una scoperta tutta italiana

Il commissario Carra non se la passa bene. Nemmeno lo squisito caffè dell’agente Di Giacomo riuscirebbe a tirarlo su.
Non gli era mai successo di non riuscire a capire da dove cominciare, né si era mai trovato coinvolto in un caso come questo, in cui tra morti e scomparsi è difficile anche solo stare dietro alle chiamate dalla centrale. Carra è abituato ad avere a che fare con qualunque tipo di crimine, ma stavolta è davvero troppo. Com’è possibile che siano collegati tra loro il ritrovamento in un cortile di una carcassa di elefante, la sparizione di un ragazzo, il rapimento di un bambino rom e la morte per overdose di una prostituta? Tutto sembra maledettamente assurdo, gli viene da pensare, mentre attraversa la periferia romana alla ricerca del prossimo indizio. E proprio quando la matassa sembrerà impossibile da sbrogliare, l’incontro con uno stravagante quanto acuto barbone metterà il solitario commissario Carra sulle tracce dell’unico filo da seguire…




I delitti della laguna di Letizia Triches

Giuliano Neri, restauratore fiorentino, arriva a Venezia per lavorare sui dipinti della collezione di Alvise Volpato, un noto psichiatra con la passione per la pittura. Questo è il motivo ufficiale. Quello reale, invece, è l’indagine condotta da Chantal Chiusano: alle orecchie del commissario è giunta l’eco della fama di Neri nel risolvere casi complicati. E quello che ha tra le mani è senza dubbio complicato: Otis Moore, un magnetico bluesman afroamericano, soprannominato “il Moro di Cannaregio”, si era trasferito in città di ritorno dal Vietnam ma, soggiogato dalla laguna, non era mai riuscito a ripartire. E ora è morto. Scavando nella vita di Otis, il commissario è spinto ben presto a indagare sulla criminalità legata al mondo dell’arte. Forse il musicista non era estraneo a certi affari illeciti. Così come non lo erano le famiglie dei Favero, dei Volpato e dei Luni, tutte legate in qualche modo alla band di Moore. Proprio quando Chantal e Giuliano pensano di aver trovato una via per risolvere il caso, ecco che le acque restituiscono il corpo seminudo e straziato di una donna…



I grandi condottieri del mare di Giuliano Da Frè

La loro storia è scritta negli abissi
Le vere storie dei grandi uomini che hanno conquistato i sette mari
Trenta ammiragli, dall’antichità ai giorni nostri, trenta dettagliati ritratti di coloro che – da Temistocle a Michael Barkai – hanno condotto le grandi guerre sui mari.

Alle storie di questi leggendari personaggi si accompagna una minuziosa analisi dell’evoluzione delle tecniche della guerra navale e dei diversi scenari strategici e marittimi che Da Frè tratteggia abilmente. Così, per esempio, la storia di Formione (circa 480-428 a.C.) si associa inestricabilmente all’evoluzione dell’impiego della trireme ateniese; la carriera di Raymond Spruance (1886-1969) si interseca con la rivoluzione tecnica del 1900-1915 (corazzata monocalibro, radio, aereo, sommergibile…) e con il progredire della nuova dottrina aeronavale sviluppata tra le due guerre mondiali. Quasi 2500 anni di battaglie sui mari rivivono attraverso le gesta di coloro che ne hanno deciso le sorti.

mercoledì 13 luglio 2016

[Recensione] Quel che è di Cesare di Massimo Blasi e Laura Zadra


"Lo so che non accetteresti mai la possibilità che a compiere il delitto sia stato un fantasma, ma ricordati che siamo a Roma, dove nulla è mai troppo bizzarro."

A chi consiglio questo libro: A chi ama la storia, soprattutto l’epoca indimenticabile degli antichi romani e i gialli. Questi due elementi, mischiati insieme, vi regaleranno un romanzo che vi riporterà indietro nella storia, mescolando la realtà con la fantasia e con una grande suspense. Ma non mancano tanti episodi divertenti e ironici, che lo rendono una lettura piacevolissima.
Il mio voto finale: 4/5

Trama
L’uomo più potente di Roma, Giulio Cesare, è stato assassinato. Per le vie dell’Urbe sconvolta dal timore di una nuova guerra civile viene avvistato il fantasma del defunto dittatore. Dietro di lui un’efferata catena di omicidi. Soltanto il razionalissimo imbalsamatore di cadaveri Lart non crede allo spettro e, affiancato dal suo vanesio schiavo Silvius, comincia a indagare per dissipare i fumi della superstizione. La ricerca della verità lo porterà tra attori e senatori, maghe e ciarlatani e metterà a rischio anche le persone a lui più care. Fino all’incredibile finale.

La mia opinione
Chi di voi studiando la storia ai tempi della scuola non è rimasto affascinato dalla figura di Cesare e impressionato dal suo brutale omicidio? Gli autori Massimo Blasi e Laura Zadra partono proprio dal cesaricidio per portare il lettore indietro nel tempo con il protagonista Lart impegnato nella soluzione di un grande mistero.
Dopo la morte di Cesare, infatti, la città di Roma è sconvolta: si cerca ancora una guida e il rischio di tumulti è alto. A rendere la situazione ancora più complicata arriva il fantasma del dittatore che inizia ad uccidere importanti personaggi politici, che per di più hanno partecipato all’assassinio. Una vendetta da parte di un fantasma? Il popolo romano, che a quei tempi viveva di superstizioni, non stenta a credere che il fantasma di Cesare sia veramente rimasto nella città e stia cercando vendetta.
Lart, uomo razionale, è invece convinto che non si tratti di un fantasma, ma che dietro ci sia qualcosa di più, un vero e proprio complotto per agitare le folle. Il suo mestiere è l’imbalsamatore di cadaveri, professione non molto piacevole, ma che lui svolge con umiltà e precisione. Questo lavoro, inoltre, gli consente di esercitare la sua più grande passione: quella di investigare sulle morti e, in particolare, sugli omicidi.
È talmente bravo in questo suo “hobby” che il pretore di Roma gli ha spesso chiesto di collaborare con loro e lasciare il suo lavoro. Lart, però, preferisce continuare le sue indagini autonomamente, in una posizione “privilegiata” che gli consente di cogliere i particolari che ad un occhio inesperto sfuggono.
Riuscirà così a dimostrare cosa si celi veramente dietro il ritorno sopranaturale di Cesare. Ad accompagnarlo, il fidato schiavo Silvius, un personaggio protagonista di equivoci e aneddoti che vi farà ridere tantissimo.
Non meno importante la moglie Licinia: vi confesso che inizialmente risulta quasi antipatica al lettore, ma con il tempo si rivelerà una donna forte e fondamentale nella vita di Lart e non potrete non adorarla.
Lart, poi, è un protagonista perfetto: coraggioso, concreto, marito devoto (anche se una figura del passato lo farà un po’ vacillare) e soprattutto un grande amico, pronto ad aiutare sempre tutti i personaggi che popolano il romanzo.

Con il loro stile scorrevole, gli autori portano il lettore ad immergersi completamente nella storia e, tassello dopo tassello, a ricostruire il mistero del fantasma di Cesare e di tutte le implicazioni politiche sottostanti. Un giallo storico affascinante, con un finale aperto… che i due autori abbiano in mente un seguito nelle indagini di Lart? Io lo spero davvero.

martedì 12 luglio 2016

[Anteprime] Uscite di Luglio di Leggereditore

Buongiorno lettrici e lettori. Siete alla ricerca del libro giusto da mettere nella vostra valigia per le vacanze? Oggi vi consiglio le nuove uscite di Leggereditore, che troverete in libreria dal 14 luglio 2016. Io ne ho già due in programma, ma non vi svelo ancora quali :)

Consolation di Corinne Michaels

Sinossi
La piccola Aarabelle non era ancora nata quando sua madre Natalie ricevette la tragica notizia della morte di Aaron, suo marito, marine caduto in battaglia. Il destino, che le stava per concedere il dono più bello, le ha strappato la felicità facendola piombare nella disperazione più profonda. L’unico in grado di darle conforto è Liam Dempsey, il migliore amico di suo marito, che le sarà vicino per onorare la promessa che aveva fatto ad Aaron prima che lui partisse per la sua ultima missione. Ma né Liam né Natalie potevano immaginare che da quella vicinanza potesse nascere un rapporto che andasse oltre la semplice amicizia, per diventare qualcosa di sconvolgente a cui neanche loro riescono a dare un nome. E mentre Liam si consuma nel rimorso di poter in qualche modo tradire la fiducia che Aaron ha riposto in lui, Natalie non sa comprendere se quello che prova nasca da qualcosa di profondo o sia solo desiderio di essere consolata da un dolore a cui non riesce a fuggire. È questo il prezzo che deve pagare per essere di nuovo felice?
Una storia toccante che accomuna il destino di moltissime donne, e che commuove per la naturalezza con cui ci racconta l’amore come unico antidoto al dolore.

Biografia
Corinne Michaels è autrice di numerosi racconti brevi e romanzi. Cresciuta in una famiglia di librai, ha sposato un marine, perciò la scrittura è diventata per lei un antidoto alla solitudine dei periodi in cui suo marito è in missione all’estero. Con Consolation, il primo di una coppia di romanzi che le ha regalato un grande successo, debutta nel catalogo Leggereditore.


Fuoco e ghiaccio di Anne Stuart

Sinossi
Reduce da una tormentata storia d’amore, Jilly Lovitz vola a Tokyo dalla sorella Summer per trovare un po’ di serenità e una spalla su cui piangere. Due mesi in una delle metropoli più affascinanti del mondo dovrebbero aiutarla a sfogare la propria frustrazione. Non sa però che quello da cui dovrà salvarsi è qualcosa di più che una cocente delusione amorosa. A quanto pare sua sorella e suo cognato devono averla combinata grossa se sono finiti nel mirino della mafia locale, ma per poco non è Jilly a farne le spese. A salvarle la vita sarà Reno, un uomo del Comitato sexy e imprevedibile, che aveva già incontrato in passato e per il quale aveva avuto un’attrazione fugace quanto fulminante. Ora Jilly e Reno si ritrovano loro malgrado a essere le pedine in una scacchiera pericolosa, intorno alla quale si fa sempre più pericoloso giocare, tra assassini, rapimenti, vendette. Un gioco rischioso, su un terreno caldo come il fuoco, ma scivoloso come una lastra di ghiaccio.
Un romanzo sospeso tra pericolo e attrazione, suspense e erotismo, per una storia rocambolesca e coinvolgente, dove non sempre quello che appare corrisponde alla verità.

Biografia
Anne Stuart ha pubblicato il suo primo libro a soli venticinque anni e ora è una scrittrice di fama mondiale. Ha vinto numerosi premi, tra cui il prestigioso rita. Vive nel Vermont con il marito, tre gatti e uno springer spaniel. Fuoco e ghiaccio è il quinto, attesissimo volume della serie Ice, preceduto da Ghiaccio nero, Freddo come il ghiaccio, Cuore di ghiaccio e Tempesta di ghiaccio, tutti pubblicati da Leggereditore. Una lettura irrinunciabile per tutte le appassionate della romantic suspense... e non solo!


Travolta dal tuo amore di J.C. Reed

Sinossi
Aver incontrato Jett Mayfild, alla fine dei conti, non è stato proprio un colpo di  fortuna per Brooke Stewart, brillante agente immobiliare di New York. Jett ha bellissimi occhi verdi, è sexy come il peccato ed è un dio tra le lenzuola, ma è anche piuttosto imprevedibile, uno di quei tipi che in amore giocano sporco e che è meglio evitare se si vuole stare lontano dai guai. Con il cuore spezzato per essere stata tradita da Jett, Brooke giura a sé stessa che è arrivato il momento di guardare avanti e di buttarsi il passato alle spalle. Questa nuova consapevolezza si scioglie però come neve al sole nel momento in cui Jett ritorna da lei per una seconda chance. Ma qualcosa è cambiato: c’è un segreto tra loro, qualcosa di insoluto che appartiene al loro passato e che rischia di far saltare il tavolo a cui Brooke aveva deciso di nuovo di giocare, stavolta con le sue regole. Perché non ha nessuna intenzione di perdonarlo, ancor meno di farlo finire di nuovo nel suo letto. Potrà tornare a fidarsi di un uomo che detesta ma da cui non può fare a meno di essere attratta?
Sensualità, complicità e un pizzico di suspense per una storia che ci conquista con la profondità dei suoi personaggi e la perfezione della sua trama.

Biografia
J.C. Reed è un’autrice bestseller di romance erotici, ai quali aggiunge sempre un tocco di mistero. Quando non sta ticchettando sulla tastiera, sogna di ritornare tra le montagne del Wyoming. Travolta dal tuo amore è il secondo romanzo di una serie di grande successo, di cui Leggereditore ha già pubblicato il primo volume: Prigioniera del tuo amore.


Un disastro chiamato amore di Chiara Giacobelli

Sinossi
Francese con un lavoro a Parigi e un appartamentino a Montmartre, Vivienne Vuloir è una ragazza buffa e imbranata che colleziona una figuraccia dopo l’altra, fa i conti con una fallimentare carriera di scrittrice e soffre di un numero indefinito di fobie.
A trent’anni ha dimenticato il sapore di un bacio, si è adattata a essere identificata come “quella che si occupa di gossip”, ma soprattutto ha perso completamente fiducia nel genere umano, specialmente se maschile.
Quando un giorno riceve un’inattesa telefonata da un certo Mr Lennyster, figlio di un’importante attrice italiana su cui ha da poco redatto un dossier, è certa di stare per subire una grossa lavata di capo. Invece, l’uomo vuole commissionarle la biografia della madre.
Così, ben presto Vivienne si troverà a dover affrontare un’avventura a cui non è affatto preparata: un viaggio in Italia, un libro da scrivere, un uomo affascinante, dolce ma oscuro, e una villa piena di misteri da risolvere.
Tra gaffe, tentativi maldestri di carpire i segreti della famiglia Lennyster, amori e altre catastrofi, Vivienne, inguaribile pessimista, capirà che la vita le sta per riservare una sorpresa inaspettata.

Biografia
Chiara Giacobelli è una scrittrice e giornalista nata nel 1983, laureata in Lettere e Filosofia e specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo a Roma, corso al termine del quale ha vinto il Premio Reali conferito ai migliori studenti dell’ateneo di Tor Vergata. Un disastro chiamato amore è il suo romanzo d’esordio. Tiene un blog culturale sull’Huffington Post e scrive per varie testate, tra cui il gruppo Qn – La Nazione – Il Giorno – Il Resto del Carlino – Affari Italiani – Bell’Italia - In Viaggio.
Il suo sito è www.chiaragiacobelli.com, ma è possibile seguirla anche attraverso le sue pagine professionali su Facebook, LinkedIn e Twitter.

lunedì 11 luglio 2016

[Recensione] Ogni cosa è per te di Ronald H. Balson


Golda Meir una volta disse: "Temo che la guerra con gli arabi andrà avanti per anni a causa dell'indifferenza con cui i loro leader mandano la loro gente a morire".

A chi consiglio questo libro: A chi ama le storie d'amore, ma anche di amicizia, a chi crede che l'amore possa superare qualunque confine di razza o pregiudizio e che può andare oltre le distanze e a chi ama i romanzi che ripercorrono una parte della nostra storia umanizzandola con dei personaggi che sembrano reali.

Il mio voto finale: 5/5

Trama
Sophie è figlia di un amore proibito. Di un amore impossibile. Di un amore che prova ad avvicinare due religioni diverse, due mondi in guerra, due lingue che non riescono a parlarsi. Perché suo padre è ebreo e sua madre palestinese. Entrambi hanno lottato contro tutto e tutti per restare insieme. Eppure solo la fuga ha permesso loro di non rinunciare a quel legame speciale che li unisce. Sono dovuti scappare negli Stati Uniti per diventare una famiglia. È lì che è nata Sophie.
Ma proprio quando credevano di essere al sicuro, tutto cambia: la madre di Sophie muore all'improvviso e il nonno materno della bambina, che non ha mai accettato quel matrimonio, la rapisce per portarla in Palestina. 
C'è una persona che deve ritrovarla a ogni costo: suo padre. È pronto a tutto pur di poterla riabbracciare. Anche a mentire. Anche a mettere a rischio la propria vita. Ed è allora che capisce che è un'impresa troppo difficile da affrontare da solo. Inaspettatamente un aiuto arriva da Catherine, che è avvocato, e da Liam, un investigatore privato. Solo loro credono in lui. Solo loro credono che l'amore sia un sentimento più forte dell'odio, della paura, della tradizione che diventa cecità. Un sentimento per cui nessuna sfida è mai tropo grande. Perché il destino sembra scritto, ma a volte ci vuole solo coraggio per cambiarlo, per scrivere una pagina nuova della Storia. 
Dopo il grande successo di Volevo solo averti accanto, esordio rivelazione del 2015 per mesi in vetta alle classifiche italiane e vincitore del Premio selezione Bancarella, Ronald Balson torna con un nuovo romanzo. Una storia potente sulla forza dei sentimenti che abbatte le barriere dell'intolleranza e dei conflitti. Torna con due dei suoi personaggi più amati, Liam e Catherine, che sono sempre alla ricerca della verità. Un libro che insegna come l'amore possa valicare ogni confine, senza arrendersi mai.

La mia opinione
Ancora una volta Ronald H. Balson dimostra la sua bravura con un nuovo romanzo, in parte collegato al primo, Volevo solo averti accanto.
Anche questa volta tra i protagonisti troviamo Catherine Lockart, avvocato, e Liam Taggart, investigatore privato, e assisteremo ad uno sviluppo delle loro vicende, collaterale rispetto alla storia, come era successo nel primo romanzo. Tuttavia, sebbene vi consigli di leggere anche “Volevo solo averti accanto” perché è ancora più bello di questo, non è necessario seguire un’ordine.
Ancora una volta Richard H. Balson, con il suo stile scorrevole e coinvolgente, torna a parlare degli ebrei, questa volta da un altro punto di vista. Se nel primo romanzo si era dedicato all’Olocausto e a quello che è accaduto dopo, in particolare i furti da parte dei nazisti dei beni degli ebrei, oltre al dolore e alle sofferenze provocate da quel terribile periodo storico, in “Ogni cosa è per te” troviamo nuovamente gli ebrei al centro della storia, ma dal punto di vista della mai sopita questione tra Palestina ed Israele.
La storia è quella di due giovani, Jack e Alina che decidono di sfidare i pregiudizi razziali per inseguire il sogno di trascorrere tutta la vita insieme. Lui è un ebreo americano, mentre Alina è palestinese, figlia di un esponente di una delle famiglie più in vista del terrorismo palestinese.
Per poter sfuggire all’ostracismo del padre di lei, la coppia si trasferisce in America, dove pensano finalmente di avere raggiunto il loro sogno, dando alla luce una bambina.
Purtroppo pochi anni dopo, Alina morirà per una terribile malattia, lasciando soli Jack e Sophie.
A fare le spese del conflitto sarà proprio la piccola Sophie, che verrà rapita dai nonni durante un loro soggiorno a Chicago e tenuta “prigioniera” a Hebron, in Cisgiordania.
Jack, padre amorevole e marito devoto, sentendosi in colpa per aver tradito la memoria di Alina non vegliando abbastanza sulla figlia, decide di fare di tutto per riprendersela, entrando in un brutto complotto che coinvolge terrorismo, scommesse clandestine su partite e corruzione.
Accanto a lui nella corsa contro il tempo per ritrovare la sua amata Sophie, oltre che Liam e Catherine, ci saranno l’amica di famiglia Marcy e una donna affascinante e misteriosa, Kayla, che inizialmente sembra far parte della CIA ma che nasconde un segreto che rivelerà solo verso la fine e che renderà questo personaggio apparentemente secondario davvero fantastico.

Un altro romanzo fantastico da parte di quest’autore che ancora una volta riesce con maestria a raccontare importanti vicende storiche che fanno da sfondo ad una storia di amore e di amicizia che vanno oltre i confini e i pregiudizi razziali. 

venerdì 1 luglio 2016

[Recensione] Sarò come mi vuoi - Greta Simeone


"Si pensa sempre che la vita cambi per eventi epocali. Un lutto, un grande amore, la fine di un grande amore, una lotteria da dieci milioni di euro. Invece a volte basta una parola, uno sguardo, una risata gentile, una minima delusione o il riaccendersi, da qualche parte, di una speranza residua per far slittare ogni cosa intorno a noi."

Trama
A Gina sta andando tutto storto: sola da un po’, ora ha anche perso il lavoro. Risponde ad annunci di tutti i tipi, per paura di dover rinunciare alla propria casa e tornare a vivere dai suoi, che sono freddi come  l’inverno, anche se ormai si è convinta che non l’assumerà nessuno. Troppa la concorrenza, con la crisi che c’è, e lei non brilla in niente. Una sera però arriva, a sorpresa, una telefonata. A chiamarla è Paolo, socio in una catena di sexy shop, che cerca una venditrice a domicilio, e con cui aveva avuto un colloquio poche ore prima. Lei era certa di aver fatto una pessima figura, ma secondo Paolo ha le carte in regola per riuscire.
Però... però dovrà rifarsi il look, acquisire le giuste competenze, seguire tutte le sue indicazioni, affidarsi a lui senza remore: è disponibile? Gina accetta con riluttanza l’unica proposta ricevuta. Presto, inaspettatamente, le si aprirà un mondo nuovo: sotto la guida di Paolo imparerà molto su se stessa e sulle sue capacità. Troverà l’amore, perderà le sue inibizioni. Fino a quando ogni sua certezza sarà spazzata via da una terribile scoperta. Un romanzo fresco, frizzante, romantico e molto sexy, dalla penna brillante di una scrittrice italiana.

La mia opinione
Se siete alla ricerca di un romanzo da portare sotto l’ombrellone per questa estate che si preannuncia caldissima “Sarò come mi vuoi” di Greta Simeone è il libro giusto per voi!
La protagonista è una ragazza apparentemente insignificante: non si trucca, non cura minimamente il suo aspetto, è timida e ha avuto poche esperienze in fatto di uomini. Dopo aver perso il lavoro, si ritrova al colloquio per una professione che non sembra per nulla adatta a lei: la venditrice porta a porta di sexy toys!
I suoi potenziali datori di lavoro, nel vederla capiscono subito che non è la candidata ideale: complice la voglia di mettersi in gioco di Paolo, uno dei soci dell’azienda, Gina verrà inaspettatamente richiamata.
Ma perché Paolo ha scelto proprio lei? Tanto più che è costretto a farle rifare totalmente il look. Gina inizia finalmente a sentirsi valorizzata e apprezzata, pensa che qualcuno creda davvero in lei.
Ma c’è un terribile segreto che lei non conosce, mentre noi lettori scopriamo quasi all’inizio e faremo il tifo per Gina.
Perché Gina è la classica brava ragazza, quella che somiglia un po’ a ciascuna di noi, un po’ sfortunata in amore e nel lavoro, che non riesce a credere abbastanza in se stessa.
Ad accompagnare Gina in questo suo percorso di rinascita ci sarà la sua migliore amica, la Patty, che è proprio il suo opposto: esuberante, ama stare al centro dell’attenzione e sprona l’amica a fare nuove esperienze.
Ma che romanzo sarebbe senza una storia d’amore? Gina lo troverà in una persona che non avrebbe mai pensato. Ma non sarà una storia semplice, a causa del passato di entrambi.
Non vi basta? Beh, c’è anche l’antagonista di Gina, quella che prenderà lezioni da lei per sostituirla nelle vendite porta a porta. E tra le due nascerà una vera e propria competizione, sia a lavoro che in amore.
Greta Simeone regala un romanzo fresco e divertente, che vi farà ridere tantissimo e allo stesso tempo emozionare. Anche se ci sono alcuni punti in cui vi assicuro che (almeno a me) Gina fa innervosire, vorreste entrare nel libro per dirle “Svegliati ragazza!”. Ma la costante ironia della scrittrice e l’originalità della trama porta a perdonare anche la lentezza di certi passaggi.

Volete conoscere meglio l'autrice? Non perdetevi l'intervista cliccando qui.